Pubblicato il

Meteo Sat Italia

Vota e Commenta il gadget | add to your webpages Widget per siti web

Il primo satellite meteorologico fu il Vanguard 2, lanciato il 17 febbraio 1959; doveva misurare la copertura delle nubi, ma al momento di entrare in orbita l’asse di rotazione del satellite venne orientato male, così poté raccogliere poche informazioni. Il primo satellite meteorologico che raggiunse un successo pieno fu il TIROS-1, che venne lanciato il 1 aprile 1960 e trasmise per 78 ore. Tiros 1 aprì la strada al programma Nimbus, che ha portato allo sviluppo dei moderni satelliti meteorologici lanciati dalla NASA. I primi satelliti meteorologici ad essere realizzati in Europa furono i Meteosat; il primo di essi, il Meteosat 1, fu lanciato il 23 novembre 1977.

I satelliti meteorologici si suddividono in:
satelliti geostazionari
satelliti polari
Il satellite geostazionario è un satellite che si trova in una orbita geostazionaria, cioè in posizione sempre costante, seguendo l’orbita terrestre, est-ovest, e sopra l’equatore.
Il satellite polare, invece è un satellite che segue l’orbita polare nord-sud passando sopra i poli. In tal modo il satellite riesce a monitorare longitudinalmente tutte le zone del pianeta compresi i poli.

736px-NOAA-M

Pubblicato il

Satellite meteo

Vota e Commenta il gadget | add to your webpages Widget per siti web

In meteorologia con il termine satellite meteorologico si intende un satellite artificiale in orbita terrestre che viene utilizzato da meteorologi per raccogliere informazioni sulle condizioni meteo-atmosferiche di vaste zone del pianeta (osservazione), consentendone previsioni meteo in tempo reale (nowcasting). Tali satelliti rientrano quindi nel più vasto ambito dei satelliti per telerilevamento dando vita anche alla branca della meteorologia nota come meteorologia satellitare. La meteorologia satellitare fa uso di tali satelliti che sono uno degli strumenti attraverso i quali si può ottenere una previsione meteorologica su un dato territorio fino ad un massimo di 15 giorni grazie anche all’utilizzo congiunto dei dati osservati sulla superficie terrestre attraverso la rete delle stazioni meteorologiche e dei modelli numerici di previsione meteorologica.

800px-GOES_8_Spac0255