Pubblicato il

FTSE 100 – Borsa di Londra

Borsa di Londra, oggi 4 agosto 2011, chiude in calo del 3,43%
Eccovi un immagine eloquente:
ftse100 borsa di Londra 4ago2011

Che cosa vorranno dire questi ribassi così enormi in questo periodo, di estate e di Governi che corrono ai ripari sui loro conti pubblici?

Il gadget in fondo all’articolo permette, come al solito, di poter avere il grafico dello svolgimento della seduta di borsa in ogni sito web, seguite i link per acquisire il codice.
Di seguito anche la descrizione del titolo tratta dalla enciclopedia libera Wikipedia.

Il FTSE 100 (IPA: /?f?tsi?/, footsie) è un indice azionario delle 100 società più capitalizzate quotate al London Stock Exchange. L’indice è quotato dal 3 gennaio 1984 con un livello iniziale di 1000; il valore massimo raggiunto a tutt’oggi è di 6950,6, raggiunto il 30 dicembre 1999.
FTSE è l’abbreviazione di ‘Financial Times Stock Exchange’. L’indice è gestito dal FTSE Group, una società ora indipendente che originariamente era nata come joint venture tra il Financial Times e il London Stock Exchange.
Le 100 società componenti dell’indice rappresentano circa l’80% della capitalizzazione di mercato dell’intero London Stock Exchange. Sebbene l’indice FTSE All-Share sia più completo, l’indice FTSE 100 è di gran lunga il più usato come indicatore del mercato londinese. Altri indici correlati sono il FTSE 250 (che comprende le ulteriori 250 società più grandi dopo le prime 100 del FTSE 100), il FTSE 350 (che è l’aggregazione del FTSE 100 e del FTSE 250), il FTSE SmallCap (piccole imprese) e il FTSE Fledgling. Il FTSE All-Share comprende il FTSE 100, il FTSE 250 e il FTSE SmallCap.
I componenti dell’indice sono stabiliti trimestralmente; le più grandi società dell’indice FTSE 250 sono promosse se la loro capitalizzazione di mercato le colloca tra le prime 90 aziende del FTSE 100. Alla fine del 2006, ad esempio, la soglia per entrare era a 2,9 miliardi di sterline. Al 29 dicembre 2006 le 6 più grandi società che componevano l’indice erano BP, Royal Dutch Shell, HSBC, Vodafone, Royal Bank of Scotland e GlaxoSmithKline, che valevano più di 60 miliardi di sterline ciascuna.

Vota e Commenta il gadget | add to your webpages Widget per siti web