Pubblicato il

Acquario la costellazione

L’Acquario è una costellazione piuttosto debole che non sarebbe famoso se non fosse parte dello Zodiaco. Acquario, come suggerisce il nome è universalmente associata con l’acqua. Nella maggior parte delle culture, esso viene rappresentato come un uomo che versa acqua da un secchio. Ciò può derivare dal fatto che il Sole entra in Acquario all’inizio dell’inverno, quando la stagione delle piogge inizia in molte parti del mondo.

L’Acquario è una costellazione di grandi dimensioni, attraversata dal Sole da fine febbraio a metà marzo; è formata da un vasto insieme di stelle poco luminose, specialmente nella parte orientale, caratteristica che avrebbe suggerito l’idea di un’autentica “cascata” di stelline, che in effetti rappresentano l’acqua che scende a fiotti da un’urna. La parte più settentrionale della costellazione giace sull’equatore celeste, mentre gran parte di essa si trova nell’emisfero australe; nonostante ciò, è osservabile con facilità da quasi tutte le aree popolate della Terra. Nell’emisfero nord è una figura tipica dei cieli autunnali, mentre a sud dell’equatore la sua presenza nel cielo dopo il tramonto indica l’avvicinarsi della stagione estiva.
aquarius

L’acquario contiene stelle relativamente poco luminose nonostante la sua estensione, le più brillanti delle quali sono dislocate nella parte nordoccidentale; la parte sudorientale viene a trovarsi al centro di una regione di cielo povera di stelle appariscenti, così dalle aree urbane appare come una zona di cielo “vuota”. Sotto un cielo buio sono invece osservabili fino a un centinaio di stelle deboli, per lo più di quinta grandezza, molte delle quali disposte a concatenazioni non rettilinee di tre.
Dall’Acquario si originano due sciami meteorici: le Eta Aquaridi (4 maggio) e le Delta Aquaridi (28 giugno), entrambi composti da circa 20 meteore all’ora.

Il gadget per le informazioni riguardo la costellazione dell’Acquario è qui di seguito.
Estremamente semplice da usare per i vostri siti web.

Per inserirlo nei vostri siti seguite le indicazioni nel link in fondo al gadget, sulla cartella.
Potete come al solito commentare il gadget seguendo il solito link, sulle labbra.

Commenta questo gadget | Inserisci nel tuo sito web

Mitologia

Nelle carte celesti l’Acquario è un giovanetto che versa acqua da una brocca, anche se nel suo Fasti Ovidio sostenne si trattasse di una mistura di acqua e nettare, la bevanda degli dèi. Il liquido va a finire in bocca al Pesce Australe. Ma chi è l’Acquario? La credenza più popolare lo identifica con Ganimede, che era ritenuto il più bel ragazzo esistente sulla faccia della terra. Era il figlio del re Troo, da cui Troia prese il nome. Un giorno, mentre Ganimede faceva la guardia alle pecore del padre, Zeus si invaghì del pastorello e si lanciò sulla pianura di Troia sottoforma di aquila, ghermì Ganimede e se lo portò sull’Olimpo (o, secondo un’altra versione, mandò un’aquila vera e propria a fare il lavoro per lui). L’Aquila è ricordata nella costellazione vicina.
Secondo un’altra versione del mito, Ganimede fu prima rapito da Eos, la dea dell’aurora, che aveva una passione per i giovanetti, e solo in un secondo tempo Zeus glielo rubò. Ganimede divenne il mescitore di vino degli dèi, colui che dispensava il nettare dalla sua coppa, con grande fastidio della moglie di Zeus, Era. Robert Graves racconta che questo mito divenne molto popolare nell’antica Grecia e a Roma dove fu ritenuto un significativo avallo divino dell’omosessualità. La corruzione latina del nome Ganimede, Catemitus, diede origine alla parola «catamite», che indica un ganimede, un amasio.
Mito di poca consistenza questo dell’Acquario, probabilmente a causa del fatto che i Greci hanno voluto imporre una loro storia a una costellazione di provenienza straniera. Sembra infatti che la costellazione dell’Acquario originariamente rappresentasse il dio egiziano del Nilo – ma, come dice Robert Graves, del Nilo non gliene importava molto.
Germanico Cesare identifica la costellazione con Deucalione, figlio di Prometeo, uno dei pochi uomini a essere sfuggito al diluvio universale. «Deucalione versa acqua, l’elemento ostile cui una volta sfuggì, e nel farlo attira l’attenzione verso la sua piccola brocca», scrisse Germanico. Igino offre un’altra identificazione della costellazione, quella con Cecrops, uno dei primi re di Atene, visto mentre offre un sacrificio agli dèi facendo uso dell’acqua, poiché egli regnò in tempi in cui non si faceva ancora il vino.
Molte delle stelle dell’Acquario hanno nomi che iniziano con «Sad». In arabo, sa’d significa «fortuna». Alfa dell’Acquario si chiama Sadalmelik, da sa’d al-malik, tradotta solitamente come «le stelle fortunate del re». Beta dell’Acquario si chiama Sadalsuud, da sa’d al-su’ud, che dovrebbe significare «la più fortunata delle fortunate». Gamma dell’Acquario è Sadachbia, da sa’d alakhbiya, con il possibile significato di «stelle fortunate delle tende». L’esatto significato di questi nomi è andato perduto anche presso gli Arabi, secondo quanto sostiene l’esperto tedesco di nomi di stelle, Paul Kunitzsch.